top of page

Cinque consigli a un sacerdote novello (validi per don Davide Mancusi e non solo)


Don Davide durante la Professione di Fede dei nostri preadolescenti, 29 maggio 2023

Oggi, nella chiesa di San Giovanni Bosco a Bologna, si è tenuta l’ordinazione presbiterale di sei Salesiani di Don Bosco. Tra di essi c’era don Davide Mancusi, cresciuto all’oratorio di San Barnaba, che proprio a San Barnaba, domani alle 10.30, celebrerà la sua Prima Messa.

A lui e a ogni sacerdote, novello o meno, dedichiamo i consigli che lasciò un Salesiano noto come “il prete dal sorriso di fanciullo”: don Giuseppe Quadrio, a lungo docente di Teologia Dogmatica al Pontificio Ateneo Salesiano della Crocetta di Torino (dove peraltro ha studiato anche don Davide), Venerabile dal 19 novembre 2009.

Don Giuseppe scrisse questi consigli sulla sua agenda, nelle pagine riservate alle note per il mese di gennaio, febbraio e marzo 1962. Sarebbe morto di lì a poco, il 23 ottobre 1963, per un linfogranuloma maligno, presso la Nuova Astanteria Martini di Torino, dov’era ricoverato.

Per certi versi, quello scritto può essere considerato il suo testamento spirituale, donato ai suoi studenti prossimi all’ordinazione presbiterale. Molti di essi hanno assicurato che lui per primo aveva vissuto le indicazioni che contengono.

Eccole come sono riportate in Giuseppe Quadrio, Diario e pensieri – Trasparenze d’azzurro, LAS Roma 2014, pp. 122-123. Parole come “Messa”, “Chiesa”, “Messale” o “Vangelo” non sono scritte con la maiuscola in quel testo; “sacerdote novello” invece ha le maiuscole. I corsivi invece sono tali e quali come indicato lì.


Cinque consigli a un Sacerdote Novello


1. La santa messa sia il sole di ogni tua giornata.

Compréndila, gústala, vívila. Non dimenticare che la messa meglio celebrata è quella meglio preparata. Celebra ogni messa come se fosse la prima, l’ultima, l’unica della tua vita. Salva la tua messa dall’usura dell’abitudinarismo e dell’automatismo. Ogni parola sia un annuncio, ogni gesto un segno sacro. Trasforma la tua messa in vita e la tua vita in una messa continua, cioè in un offertorio, in una consacrazione, in una comunione ininterrotta. Ricordati che, chiuso il messale, la tua messa continua nella vita.


2. Il breviario è il miglior termometro del tuo fervore sacerdotale. Ordinariamente è il primo che viene massacrato. A costo di sudar sangue, non permettere che divenga una catena di negligenze e di peccati. Amalo come lo scudo della tua castità, come l’anello nuziale che ti stringe alla chiesa, tua sposa.

Non incominciare mai a recitarlo, senza aver prima pensato a quello che fai. Non accontentarti di “dirlo” o di “leggerlo”: devi “celebrarlo” in persona Christi et ecclesiae. Conserva al tuo breviario il tono di preghiera, di dialogo, di dramma: è l’opus Dei. Non essere avaro del tempo proprio col padrone del tempo. Da’ ad ogni parola il suo posto e il suo senso. Fissa per ogni ora canonica un’intenzione particolare. Sii certo che col tuo breviario puoi cambiare il mondo più che con le tue conferenze – o le tue dotte lezioni.


3. La confessione regolare, sincera, accuratamente preparata salverà il tuo sacerdozio dalla superficialità, dalle illusioni, dal tarlo della tiepidezza, della superbia e della sensualità. È lacrimevole constatare quanto noi sacerdoti trascuriamo questa sorgente di santità! Nella tentazione e nei pericoli immancabili della vita sacerdotale, ricordati che la tua salvezza sarà avere un uomo in cui hai piena fiducia, che sa tutto di te, che ti sappia guidare con mano ferma e sostenere con cuore paterno. Sarebbe la tua rovina, se nel giorno del bisogno, dovessi amaramente confessare: Hominem non habeo [«Non ho nessuno (che mi aiuti)»; cfr. Gv 5,7, ndr]!


4. Le anime siano la tua grande passione. Sei sacerdote per loro. Sii sempre, dovunque, con tutti sacerdote: non solo all’altare e nel confessionale, ma anche sulla cattedra, in cortile, (in camera), per strada. Abbi una coscienza vivissima e “senza eclissi” della tua dignità sacerdotale: ogni parola, ogni gesto siano intonati con essa. Lascia ad altri ogni attività profana che non sia strettamente obbligatoria; ad ogni modo, da’ ad ogni tua occupazione un’anima squisitamente sacerdotale. Non tralasciare nulla, affinché i tuoi giovani ti sentano veramente il loro sacerdote, cioè il loro Cristo.

Per quanto ti è possibile, non sottrarti mai al sacro ministero della predicazione e delle confessioni. Confessare i giovani sia la tua delizia. I sacerdoti e i religiosi siano i clienti privilegiati del tuo confessionale: non farti mai attendere, a costo di qualunque sacrificio. Incomincia al lunedì a pensare alla tua predica della domenica successiva. Le tue prediche siano ricavate dalla meditaz[ione] personale non dai repertori. Predica il vangelo continuamente, con la vita, a tutti, a tu per tu.


5. La bontà sia l’anima lo stile della tua vita. Sii un prolungamento vivente e sensibile della benignitas et humanitas del nostro Salvatore. Sii “come lui”. Abbi per tutti una carità indomabile e instancabile come quella di Gesù, che non si chiuda di fronte alle ingratitudini, non si ritragga in faccia al sacrificio, non cerchi se non il bene degli altri. Considerati a servizio e a disposizione di tutti: felice di poter donarti ed essere utile. Metti sempre chiunque al di sopra di te stesso. Ma la tua bontà sia virile, disinteressata, imparziale, regolata dalla prudenza e dall’ubbidienza. Non ti illudere che esista una carità inosservante o imprudente. Finiresti per diventare un falso profeta, un lupo in veste d’agnello. Nell’apostolato, specialmente femminile nihil sine episcopo [«Nulla senza il vescovo»; cfr. Cipriano, Epistole 14, 4]. Ricordati che per noi, fuori della regola, c’è l’abisso! Non mi stancherò di ripeterlo.

Sii un “uomo di Dio”, ma anche del tuo tempo e del tuo ambiente.

249 visualizzazioni0 commenti

コメント


bottom of page