Cerca

Visita pastorale di mons. Delpini al Decanato Navigli e alle nostre parrocchie


È tipica del ministero del Vescovo la cura per “dare forma” al cammino della Chiesa, per “conformarlo”, per “confermarlo” e, se necessario, per “riformarlo” nella fedeltà al Signore.

È un’occasione preziosa per “fare il punto” sul vissuto pastorale delle diverse Comunità.

L’Arcivescovo ci invita a farci discepoli della donna della parabola del vangelo che perde la moneta e la cerca: “ha dieci monete e ne perde una… accende la lampada e spazza la casa e cerca accuratamente finché non la trova” (Lc 15,8).

La perdita della moneta rimanda facilmente alla necessità di elaborare le molte “perdite” vissute dalla comunità cristiana e nella società in questi anni e, in particolare, nel 2020. C’è tutto un passato che è tramontato: l’attaccamento eccessivo può diventare pesante condizionamento per l’incontro con l’oggi. Ci sono nel nostro presente sofferenze, lutti, assenze, domande profonde che chiedono di essere ascoltati: «perché e per chi vivere, sul senso del limite, sul bisogno di legami, di relazioni, di fraternità, di giustizia, di solidarietà, di percorsi di vita buona, aperta al futuro».

La perdita non paralizza la donna, né la ferma la sicurezza del gruzzolo che le rimane: c’è un fuoco che la muove, un’energia che la scuote. Siamo inviati a soffermarci sulla stagione che vive la comunità: sul fuoco che ha dentro di sé, sulle sue paralisi e le sue stanchezze… sulla sua ricerca del fuoco che la fa vivere, dei modi con cui l’alimenta, lo custodisce, lo mantiene intenso…

L’esperienza della donna della parabola non è bloccata dall’individualismo, è qualcosa che esige di essere condivisa, messa in circolazione: ella chiama amiche e vicine.

Ogni comunità deve custodire la propria identità e vedere nella territorialità un elemento prezioso per favorire l’appartenenza alla Chiesa, ma non può dimenticare di essere cellula di un organismo complesso che vive nella città, parte di una rete estesa che necessariamente si diversifica, ma deve anche custodire una sostanziale omogeneità di proposte e messaggi. Sarà sicuramente importante lavorare per superare la chiusura delle comunità e chiedersi come imparare a “lavorare in rete”, quali cammini formativi condividere per acquisire una mentalità di questo tipo, quali esperienze sono più fruttuose se vissute localmente e quali più vantaggiose se condivise, quali invece devono trovare una realizzazione di decanato, prefettura o cittadina.


Domenica 20 marzo l’Arcivescovo monsignor Mario Delpini

visita le nostre parrocchie


ore 15 incontro con i rappresentanti dell’unità pastorale, della comunità educante e del Consiglio Affari Economici

ore 16 nella chiesa di Maria Madre della Chiesa, Liturgia della Parola aperta a tutti e dialogo con persone rappresentative di alcune caratteristiche del nostro quartiere

ore 17,30 in Oratorio San Barnaba benedirà la nuova costruzione e riceverà il progetto educativo "Oratorio2020"

ore 18 in chiesa San Barnaba, Messa a cui è invitata anche una rappresentanza della parrocchia dei SS. Pietro e Paolo ai Tre Ronchetti (che comprende anche la chiesa di Santa Teresa di Calcutta alle Terrazze)



199 visualizzazioni0 commenti