Cerca

Un nuovo "Eccomi"

“Eccomi, Signore, io vengo. Si compia in me la tua volontà”.



Miei carissimi della Caritas, gruppo Marta e amici tutti,


fedele all’ Eccomi che ho pronunciato ancora una volta davanti alla richiesta di un trasferimento, condivido con voi il mio passaggio dalla comunità di Gratosoglio a quella di Villanterio (PV). Non vi nascondo il sacrificio che provo in ogni cambiamento insieme alla disponibilità fiduciosa nei confronti di un Dio che conosce ciò che è bene per me.


Desidero ringraziarvi col cuore ricco di riconoscenza per la vostra bontà e pazienza verso di me. Mi sono sentita voluta bene e accolta anche nei miei limiti. Con il vostro affetto e la vostra fiducia mi avete trasmesso coraggio e mi avete aiutata a inserirmi in una missione molto delicata come è quella della Caritas, perché ogni persona che lì incontriamo sta combattendo una battaglia di cui noi non sappiamo nulla se non dopo un ascolto delicato, paziente, prolungato che apre alla confidenza.


Non nego le mie fatiche soprattutto dell’inizio ma ora godo nel vedere che la Bottega aiuta le famiglie delle nostre due chiese e testimonia, nella collaborazione dei due centri di ascolto, l’unità di una comunità pastorale. C’è ancora tanto cammino da fare ma mi piace riconoscere la grazia dei passi già fatti.


Porto nel cuore e condivido con voi il dono di una confidenza di una persona: “All’inizio del mio servizio, partecipavo alle riunioni della Caritas per dovere; ora vado per imparare ad aiutare meglio chi ha bisogno”. Auguro a ciascuno di voi la medesima passione e disponibilità ad imparare a vivere sempre meglio il Vangelo della carità.


E, come dice sempre papa Francesco, “Ricordatevi di pregare per me”. Anch’io pregherò per voi. Vi abbraccio con affetto.

sr. Brigida

104 visualizzazioni0 commenti